Posts Tagged 'gatto'

V per Vendetta!

Appena entrata in casa ieri sera ho fiutato l’odore della tragedia.
Una strana tensione aleggiava nell’aria e senza neanche superare la soglia ho indovinato che mia mamma aveva avuto una delle sue brillanti idee.
Miagolii e chiacchiericci soffocati provenivano dalla cucina.
Il povero gatto Omero sdraiato sulla pancia fermo, stretto nella morsa letale dell’asciutta e forte mano della mamma:
“Su da bravo stai fermo, fatti pettinare!”
“Meouuu!!Meouu!”
“Omero per piacere,.., No!Cattivo gatto, non mi graffiare!Ahiiiiiiii, Lascia, lascia la maglia OMERO!!!”
Naturalmente la vittoria ce l’ha avuta lei.
Dalla nube di peli che fluttuavano nella cucina (sì proprio dove mangiamo!), è uscita mia mamma con il suo trofeo, una spazzola per animali completamente piena di ciocche di pelo (morto mi auguro) del povero gatto rosso che, nel frattempo, approfittando del mio ingresso s’è conficcato sotto il primo mobile che ha trovato.
Dice che d’ora in poi dovrà fargli questo servizio una volta al mese perchè non possiamo vivere con tutti quei peli di gatto che volano per casa (come se cambiasse qualcosa).
Comunque al suo risveglio stamani ha avuto anche lei la sua lezione.
Entrata in cucina ho notato che per terra c’erano i suoi pantaloni neri in questo stato:

   

e naturalmente Omero, al lato del tavolo che si leccava con uno strano ghignetto stampato sul musetto: VENDETTA!!

Annunci

Il buongiorno si vede dal mattino

Potrò mai decidere di farmi una bella tazza di tè caldo per cominciare la stressante giornata che mi attende, senza rischiare di farmi saltare i nervi??
A quanto pare no.
Oggi, in cucina ho trovato ad attendermi tutte una serie di trappole, utili giusto, giusto per farmi iniziare storta anche questa mattina.
Primo: apro la porta e con la luce spenta mi dirigo a tentoni e stropicciandomi gli occhi assonnata, verso la finestra per fare entrare un minimo di sole. Sbadatamente non mi accorgo della ciotola colma d’acqua del caro Omero (il mio gatto cieco), che era lì ad attendermi nel bel mezzo della stanza.
C’inciampo, la rovescio completamente e mi faccio una prematura doccia su entrambi i piedi. Imprecando e sciaguattando proseguo.
Secondo: verso l’acqua nella tazza e mi preparo il tè.
Un po’ di limone, due o tre cucchiaini di zucchero(a me il teino piace dolce), due fette biscottatine, sorseggio e…surprise, invece dello zucchero, ho corretto il tè con il sale.
Qualcuno mi ha invertito i barattoli (che sono identici).
Terzo: con la poca pazienza che mi rimane, trovo la forza di ripreparami la colazione, controllo di attingere dal giusto contenitore, assaggio la bevanda..buona!
Prendo un cucchiaino dall’acquaio, lo intingo e giro.
Stranamente, il mio girare produce una sospetta schiumina..assaggio!
Buono!Questa volta il tè mi tocca berlo col detersivo!!

Buongiorno Giada!!


Step by Step

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Vostri Preferiti

DiStRaTtI ViAnDaNtI

  • 78,193 visite

Save Our Blogs

QuAnTo MaNcA aLLe VaCaNzE?

Daisypath Vacation tickers