La domenica non è mai troppa

Ieri andare all’Hidron ed immergemi in quella sottospecie di vasca idromassaggio tonda dalle sembianze di pentolone ricolmo di acqua bollente e ribollente, mi ha fatta inizalmente sentire come la protagonista di uno di quei vecchi film sui selvaggi.

Nella mia testa c’è una sventurata ragazza che approda/naufraga da sola su di un’isola deserta e ad attenderla trova una tribù di indigeni inizialmente ostili. La protagonista col tempo viene accettata ed accudita (anche tropppo), finchè un giorno, ormai tonda come un uovo, alla sua domanda:

-“Insomma, cosa c’è per cena stasera?”-

Le arriva come risposta un deciso:

-“TU!”-

Seguono accerchiamenti vari, inseguimenti con lance e frecce e pentoloni giganti messi a bollire su fuochi, mentre grasse indigene a petto nudo e con ossi conficcati nel naso, giranol’acqua che bolle assaggiandola con enormi mestoli di legno.

Se la ragazza riesca a fuggire o meno non lo so e mi interessa anche il giusto.

Il secondo pensiero, decisamente più costruttuttivo del primo è stato che però io da brava VIPPE quale non sono, in casa mia la vasca idromassaggio ce l’hoo!

A volerla disperatamente è stata mia mamma quando ci siamo trasferiti, colta da uno slancio di -“Io metto l’idromassaggio perchè mi fa bene alla schiena (PA-PPAPPERO n.d.r.)”- E naturalmente non l’ha usata MAI. Neanche una volta.

L’occasione fa la Nicchia ladra e siccome domenica= relax, idromassaggio=relax, mammanonincasa=relax, anche per l’estremo rispetto che nutro per le uguaglianze, ho proprio DOVUTO sfruttare l’occasione.

Bagnoschiuma abbondante alla mano, ho riempito la vasca  di acqua bollente come piace a me e poi dentro per sguazzare felicemente a mollo indisturbata fino a farmi lessare.

Ho acceso l’idromassaggio e mi sono abbandonata lasciandomi coccolare da tutte quelle bollicine.

La schiuma è bianca, soffice, e sale, mi avvolge, profumando l’aria di buono.

Sale la schiuma e continua a salire.. ma adesso lo fa troppo in fretta perchè mi renda conto che avanza come una nuova e candida versione di un BLOB bianco e profumoso ma non per questo meno letale.

Gridando all’esondazione mi precipito a spengere l’idromassaggio e mi accingo a fare una stima dei danni.

Vittime più prossime le mie ciabatte di pelo (nuoooo!!), l’accappatoio, l’asciugamano e il rotolo di carta igienica completamente zuppo.

Annunci

0 Responses to “La domenica non è mai troppa”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Step by Step

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Vostri Preferiti

DiStRaTtI ViAnDaNtI

  • 77,643 visite

Save Our Blogs

QuAnTo MaNcA aLLe VaCaNzE?

Daisypath Vacation tickers


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: