Murphy Dixit

Murpy, in una delle sue tante leggi sostiene:
“Scegli la coda che vuoi, non sarà mai la più veloce”.
Non sarò certo io a smentirlo.
Ieri sono andata alla Coop per comprare i cereali per la colazione.
Potevo benissimo farne a meno ma, avendo notato che non c’era molta gente, già che ero fuori, ho pensato bene di approfittarne.
Arrivata al dilemma:”Quale cassa farà prima?”, ho notato che più o meno tutte erano vuote, ma una lo era più delle altre.
Mi sono fiondata lì; davanti a me avevo solo: un anziano signore e una ragazza.
Comincia l’Odissea.
La ragazza, già con tutta la roba sul rullo, si scorda una cosa, mentre la sta prendendo naturalmente la cassiera si accorge che ad un articolo manca il codice a barre.
Torna la ragazza..
“Signorina qui non c’è prezzo, che faccio?”le domanda la cassiera.
“Torno subito.”fa la ragazza, e sparisce.
Torna con l’oggetto finalmente prezzato.
A quel punto la ragazza si accorge che la cassiera le sta facendo un conto unico, mentre lei le aveva chiesto due conti separati.
La cassiera comincia a cancellare dallo scontrino tutti i prodotti che devono essere inseriti nell’altro conto.
La ragazza paga il primo conto, naturalmente con un pezzo intero, che rinaturalmente, non passa il test di banconotanonfalsa alla macchinetta, così la cassiera si alza e va nella cassa accanto per fare sto benedetto test.
Ce la fa, passa tutti gli altri oggetti e fa il secondo conto.
Quando la ragazza se ne è andata quelli delle altre file(che mi sembravano file più lente) erano già comodamente seduti sul divano di casa loro.
Ma il bello doveva ancora arrivare.
E’ la volta dell’anziano signore.
Deposita la roba sul rullo, non tutta però, ne deduco che anche lui voglia due conti.
Passa tutto e paga il primo conto sempre con banconote che non passano il test di banconotanonfalsa, e costringono la cassiera a far ginnastica correndo ad un’altra cassa.
Tocca al secondo conto, nel momento in cui la cassiera passa una sacchettata di arance, qualcosa non le torna, si alza e dice che vanno ripesate.
Dapprima il signore, non sente e continua a depositare roba sul rullo, poi la vede in piedi e comprende:
“Perchè vanno ripesate?”
E la cassiera con un mezzo ghignetto sulla faccia:
“Signore ha premuto il tasto sbagliato!!Ha selezionato le carote e queste come vede sono arance!!” e se ne va ridendo in faccia a me che nel frattempo mi ero tramutata in una rattrappita vecchietta..
 mateecode.jpg

Annunci

0 Responses to “Murphy Dixit”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Step by Step

febbraio: 2008
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829  

Vostri Preferiti

DiStRaTtI ViAnDaNtI

  • 77,643 visite

Save Our Blogs

QuAnTo MaNcA aLLe VaCaNzE?

Daisypath Vacation tickers


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: